Share

L’AMORE Non è ODIO

Qualche mese fa sono entrato in un negozio di cornici con un grande dipinto di San Giovanni Paolo II e l’ho appoggiato sul bancone.  Il corniciaio, (un caro gentiluomo sulla quarantina) ha guardato  con affetto l’immagine per alcuni istanti e ha detto: “Sono un ragazzo cattolico.  Peccato che la Chiesa non mi voglia».  Sebbene non lo avesse detto, era ovvio che si riferisse a una questione legata all’omosessualità.  E, a quel punto, gli ho chiesto: “Cosa vuoi dire che la Chiesa non ti vuole?  Naturalmente la Chiesa ti vuole.  Dio ti ama.  La Chiesa ti ama.  Questa è casa tua.”  Sembrava felicemente scioccato e gli ho chiesto: “In quale parrocchia vai?”

 Abbiamo avuto una piacevole conversazione e quando sono tornato poche settimane dopo, l’ho salutato e lui ha esclamato: “Ti sei ricordato il mio nome!”  Entrammo di nuovo in una calda conversazione e presto notai che i suoi occhi si stavano bagnando di lacrime.  E poi mi ha chiesto: “Posso abbracciarti?”  “Assolutamente!”  gli ho risposto, e lui ha fatto il giro del bancone e ci siamo abbracciati come fratelli.  In seguito ho chiamato mio figlio che stava facendo shopping con me e gli ho detto: “Abbraccialo anche tu, amico!”  Il mio ragazzo ha avvolto le sue piccole braccia attorno alle gambe dell’uomo e alle mie.  E tornando a casa ho ringraziato Dio per l’incontro, perché so di aver incontrato Cristo in quest’uomo.  Quei brevi momenti con lui sono stati il ​​momento clou della mia giornata.  Mi ha persino mandato un messaggio online per mostrare come ha incorniciato lo stesso dipinto di San Giovanni Paolo II per la sua casa!

 Il motivo per cui condivido questa esperienza è perché non penso di essere l’unico a essere stanco dei media che mi dicono che se credo nel matrimonio tradizionale, “odio” le persone che provano attrazione omosessuale.  Odio è una parola potente e non dovrebbe essere sballottata nella speranza di segnare punti polemici suscitando i sentimenti delle persone.

 Molte persone che sperimentano le attrazioni omosessuali hanno sofferto per il tremendo bigottismo, le molestie crudeli e l’evitamento omofobico.  Alcuni si sono suicidati a causa del rifiuto e del bullismo che hanno subito, a volte all’interno delle loro stesse famiglie.  Dobbiamo essere profondamente sensibili a queste realtà, riconoscendo che tali pregiudizi odiosi dovrebbero essere condannati.

Sei un odiatore?

Quindi ecco la domanda: la professione di credere nel matrimonio tradizionale costituisce incitamento all’odio?  Se è così, allora a chi è favorevole al matrimonio gay dovrebbe essere chiesto:

Odi le persone che vogliono contrarre un matrimonio poligamo?

Odi le persone che vogliono avere un matrimonio “aperto” o “monagamico”, dove la fedeltà non è un requisito?

 Odi una donna che si è sposata di recente?

 La maggior parte delle persone che conosco e che sperimentano le attrazioni omosessuali sono esseri umani deliziosi.  E ho difficoltà a pensare che odino qualcuno degli individui menzionati sopra, anche se potrebbero non essere d’accordo con la loro definizione di matrimonio.

 Quindi, siamo onesti: se non sei d’accordo con qualcuno sulla definizione di matrimonio, questo non fa di te un odiatore.  Puoi essere in disaccordo con veemenza con qualcuno e continuare ad amarlo profondamente.

 Alcuni ribatteranno: “Sembra che la Chiesa stia prendendo di mira i gay vietando loro di sposarsi”.  Coloro che fanno questa comprensibile obiezione spesso non sanno che la Chiesa non sta cercando di additare  nessuno.  La Chiesa crede semplicemente che l’unione sessuale di un uomo e di una donna sia una delle parti essenziali del matrimonio, e quindi coloro che ne sono incapaci sono anche incapaci di sposarsi.  Ad esempio, la Chiesa non crede che le coppie impotenti siano capaci di sposarsi.  [Da non confondere con l’infertilità, l’impotenza è quando una persona è incapace di avere rapporti.] È importante capire che quando la Chiesa parla di matrimonio, non si tratta principalmente di cosa fare alle persone (scambiare i voti), ma piuttosto di quali  le persone diventano (icona dell’amore di Cristo per la sua sposa, la Chiesa).

 Non sorprende che molte persone si opporranno anche a questo, supponendo che la Chiesa non abbia il diritto di pontificare su tali questioni.  L’ironia è che la cultura che prima richiedeva di avere rapporti senza matrimonio ora richiede il matrimonio senza rapporti.

Chiamato ad amare

Affermando che l’unione di una sola carne è essenziale al matrimonio, la Chiesa non vieta a nessuno di amare.  Infatti, coloro che non sono chiamati al matrimonio sono comunque invitati a esprimere l’amore di Dio in modo potente.  Molti di coloro che sperimentano le attrazioni omosessuali hanno accolto con gioia questa vocazione, ma le loro voci (e i grandi siti Web) sono spesso soffocate da coloro che ritengono che la castità sia un’opzione irrealistica.  Le loro vite sono la prova che, sebbene molti abbiano rifiutato la Chiesa cattolica, la Chiesa non rifiuta nessuno.

Alla fine, non è un’espressione di odio invitare le persone a praticare la castità.  Infatti, sarebbe una falsa forma di compassione indurre chiunque a credere di poter trovare la vera felicità al di fuori della volontà di Dio.

 L’argomento del matrimonio tra persone dello stesso sesso è destinato a suscitare reazioni emotive, e va bene.  E anzi questo è salutare avere dibattiti appassionati e vivaci su un argomento di grande importanza, come la definizione di matrimonio.  Ma nel fervore del dibattito, non perdiamo di vista il fatto che ogni persona merita di essere trattata con rispetto.  Se iniziamo a chiamarci per nome, significa che abbiamo perso la pazienza o abbiamo esaurito argomenti validi, o entrambi.

 ________________________

Jason Evert ha fondato chastity.com ha parlato in sei continenti a più di un milione di persone della virtù della castità. Jason è autore di più di dieci libri, tra cui “Come trovare l’anima gemella senza perdere l’anima” e “Teologia del corpo per adolescenti”.

X