Il mio incontro con Giovanni Paolo Magno

 Nove anni fa, mi sono ritrovato a Roma, ad aspettare in fila con milioni di persone, sperando di intravedere il compianto Papa Giovanni Paolo II. Egli era un mio eroe e mi è capitato di viaggiare in Europa quando è morto.  E così ho cambiato i miei piani e ho viaggiato per far parte della celebrazione e del lutto di questo grande santo.  La scena a Roma era surreale.  La linea in San Pietro si estendeva fino alla Città del Vaticano, attraverso il fiume Tevere e intorno ai quartieri di Roma.  La gente cantava, cantava per Giovanni Paolo II e c’erano cartelli e fiori fatti in casa in tutto il Vaticano che dicevano immediatamente Santo!  [Santo subito!].

Dopo diverse ore di attesa, sono arrivato all’interno di San Pietro, dove ho avuto alcuni momenti per rendere omaggio al compianto Giovanni Paolo II.  Non dimenticherò mai il momento, perché sono scoppiato a singhiozzare.  Giovanni Paolo II ha avuto un enorme impatto sulla mia vita, il che è notevole considerando che questa è stata l’unica volta in cui sono entrato in contatto con lui.

  “Solo l’uomo casto e la donna casta sono capaci di amare.”  – Giovanni Paolo II

 Tutti amavano Giovanni Paolo II.  Il suo impatto sul mondo era incommensurabile.  Egli fu determinante nella caduta del comunismo nell’Europa orientale.  E ha rivoluzionato la Chiesa nell’era post-Vaticano II e viaggiato più di ogni altro papa nella storia umana, portando la gioia del Vangelo a milioni di persone.  Giovanni Paolo si era reso caro ai giovani;  è stato il fondatore della Giornata Mondiale della Gioventù.

Per me, la sua più grande opera su di lui sono stati i suoi insegnamenti sulla sessualità umana.  Nessun papa nella storia della Chiesa ha scritto o parlato di amore e sessualità più di Giovanni Paolo II.  Da giovane sacerdote, Giovanni Paolo ha trascorso del tempo con le coppie sposate, imparando dal loro esempio e dalla loro testimonianza nella loro vocazione.  Da cardinale ha scritto “Amore e responsabilità”, un capolavoro sulla difesa dell’insegnamento cattolico nell’ambito della famiglia e dell’etica sessuale.  E ha scritto un’opera teatrale intitolata “The Jeweler’s Shop (la bottega dell’orefice)”, in cui i protagonisti e la storia ruotavano attorno alla relazione e alle sfide di un matrimonio.  Queste prime opere di Giovanni Paolo hanno dimostrato il suo grande amore e devozione per il matrimonio e la famiglia, oltre a dare comprensione e ispirazione pastorale a tutte le persone nell’area della sessualità.

  “L’amore consiste in un impegno che limita la propria libertà – è un dono di sé, e donarsi significa proprio questo: limitare la propria libertà per conto di un altro”.  – Karol Wojtyla (Giovanni Paolo II)

Non è stata una sorpresa, quindi, che nei suoi primi cinque anni da Papa, Giovanni Paolo II tenesse un discorso settimanale ai cristiani nelle sue udienze del mercoledì sui temi dell’amore, della sessualità, del matrimonio e della famiglia.  Questo lavoro d’amore quinquennale divenne noto come “La teologia del corpo”, forse una delle più grandi opere mai realizzate nel cristianesimo.  In un’epoca in cui tutta la civiltà occidentale si era radicata nella rivoluzione sessuale e la percezione comune dell’etica sessuale cristiana era che l’insegnamento cristiano fosse puritano e fuori dal mondo, Giovanni Paolo II si presentò al mondo e offrì pastoralmente una diversa comprensione della nostra sessualità  .  Ci ha insegnato il piano di Dio per noi maschi e femmine e ci ha aiutato a comprendere l’espressione unica dell’amore che si verifica quando “i due diventano una sola carne”.  Ci ha insegnato che il sesso è un’espressione dell’amore che comunica i voti del Santo Matrimonio e immagina l’amore di Cristo per la sua Chiesa di lui.  Giovanni Paolo ci ha insegnato come amare e ci ha incoraggiato a vivere in modo casto in modo che potessimo scoprire sia il meraviglioso piano di Dio per l’amore e il sesso sia lo straordinario piano di Dio per le nostre vite.  L’esempio, la testimonianza e gli insegnamenti coraggiosi di Giovanni Paolo II hanno ispirato milioni di persone nel rinnovamento della castità, della fedeltà coniugale e del rinnovamento della famiglia in tutto il mondo.

Non dimenticherò mai la prima volta che ho ascoltato gli insegnamenti di Giovanni Paolo II nella sua Teologia del corpo.  Ero una matricola al college e uscivo con l’amore della mia vita.  Mi ero appena impegnato nell’astinenza nella mia vita, ma mancava qualcosa nel mio rapporto con la mia ragazza e nella mia pratica della castità.  Stavo semplicemente dicendo “no” al sesso, ma non capivo come amare veramente la mia ragazza in un modo appropriato per la nostra relazione.  Solo quando entrambi abbiamo partecipato a un seminario sulla teologia del corpo, la castità ha avuto un senso per me.  La Teologia del Corpo mi ha aperto gli occhi per capire come amare la mia ragazza e quale fosse la mia missione mentre camminavamo verso il matrimonio.  E ho una profonda gratitudine nei confronti di Giovanni Paolo II, per come mi ha ispirato e per come mi ha insegnato ad amare.

  San Giovanni Paolo II, prega per noi.

  _______________________________

  Everett Fritz lavora nella pastorale giovanile cattolica e ama parlare di castità, facendo discepolato ed evangelizzazione tra i giovani.  Everett, attualmente, lavora per YDisciple e ha conseguito la laurea in teologia presso l’Istituto Augustine e l’Università Francescana di Steubenville.  Everett risiede a Denver con sua moglie Katrina e i loro tre fantastici figli.  Segui Everett su Facebook – https://www.facebook.com/catholiceverettfritz o Twitter – @ Efritzfritz1

Leave a Reply