Che cosa c’entra la legge naturale?

Il mese scorso è stato ribaltato l’articolo 3 del DOMA (Defense of Marriage Act) il quale affermava la definizione federale di matrimonio come unione tra un uomo e una donna e questo ha aperto ulteriormente la strada affinché il “matrimonio gay” diventi la legge del paese.

Ecco il trucco, e perché non sono eccessivamente angosciato: il movimento per i matrimoni gay non può davvero “vincere”.  Questo perché la definizione di matrimonio non è radicata nel fanatismo o in qualche antiquato ideale religioso.  Ma è radicata nella legge naturale e la legge naturale non va da nessuna parte.

Per chiarire, la “legge naturale” non è “ciò che vediamo accadere in natura”.  Se dovessimo prendere il comportamento animale come il gold standard per l’etica umana, potremmo trovarci un po ‘nei guai.  La legge naturale si riferisce al codice morale scritto nel cuore umano.  Ci permette di “leggere” la regola che può essere trovata nella natura stessa e nel disegno delle cose.

Il matrimonio, come lo abbiamo sempre conosciuto, non è stato inventato da un gruppo di vescovi.  Ma è derivato dalla natura dei nostri corpi che procreavano.  Molto prima che fosse inciso nei documenti legali o nel diritto canonico, il matrimonio era inciso nella nostra carne.

 A rischio di semplificare eccessivamente questo: si possono quasi immaginare, decine di migliaia di anni fa, gli uomini delle caverne “scoprire” che il desiderio sessuale è ordinato, per sua natura, all’unione dell’uomo e della donna in modo che possano portare avanti il  razza umana.  E poiché i bambini provengono dal sesso e richiedono così tante responsabilità, un uomo delle caverne probabilmente doveva giurare di impegnarsi con quella donna prima delle altre persone nella grotta, per evitare che il capo della caverna lo colpisse con una mazza per trasformare la vita nella in un completo caos  e così il matrimonio ha preso forma !

Non è un caso che il matrimonio sia stato tra un uomo e una donna e abbia coinvolto un rito pubblico praticamente in ogni cultura nel corso della storia (anche nell’antica Sparta, dove l’attività omosessuale non era considerata tabù, gli uomini non si sposavano tra loro). Questo non perché tutte le culture fossero intolleranti o omofobe.  È perché il matrimonio è nato dalla natura dei nostri corpi riproduttori.

 Per quanto sia importante l’affetto che una coppia condivide,  il matrimonio è stato, comunque, consacrato e protetto da voti pubblici, rituali e leggi nel corso della storia, come se il matrimonio fosse una forma glorificata di appuntamenti.  L’affetto non richiede un impegno legalmente vincolante per tutta la vita.  Questo è eccessivo, ma è la nascita di bambini che lo rende così importante.  L’istituzione del matrimonio riguarda loro.  Il motivo per cui l’atto che consuma un matrimonio la dice lunga non è a causa di sentimenti forti, è perché, per sua natura, è ordinato verso una nuova vita che richiede non meno dell’impegno per tutta la vita dei genitori (e quel “linguaggio del corpo” tra marito e moglie rimane, anche se per qualche motivo genetico il concepimento è impossibile.) Il matrimonio gay è una rottura finale di quell’ideale.  È il frutto senza vita della rivoluzione sessuale.  Adesso è tutto sulle spalle di noi adulti.

Ma, ovviamente è più facile per i sostenitori del matrimonio gay trascurare le discussioni sulla legge naturale o sul bene dei bambini, etichettarci come “bigotti” e farla finita.  Secondo il giudice Scalia, questo è esattamente ciò che ha fatto la Corte Suprema.  “Una cosa è che una società elegga il cambiamento”, ha detto, “un’altra è che un tribunale imponga il cambiamento giudicando coloro che si oppongono ad esso hostis humani generis, ‘nemici della razza umana'”.

E anche se non siamo all’altezza di quell’etichetta.  Nei 2.000 anni di storia della Chiesa non troverai un solo vescovo che abbia chiesto violenza fisica contro i gay.  Non “odio” o “temo” le persone con attrazione per lo stesso sesso.  E nemmeno nessun ecclesiastico cattolico che io abbia mai incontrato, ho avuto amici stretti che vivevano uno stile di vita gay.  Sebbene non sia d’accordo con alcune delle loro scelte, giudicare le loro anime è al di sopra del mio compito.  Ciò con cui mettiamo in discussione è l’idea del matrimonio gay, non delle persone “gay”.  Ciò di cui discutiamo è una ridefinizione del matrimonio, non cose come i diritti di visita in ospedale.

Coloro che lottano per il matrimonio gay ci dicono che tutto ciò che vogliono è l’uguaglianza, e alcuni di loro sono persone ben intenzionate che lo intendono sinceramente.  Ma l’uguaglianza non è il modo in cui andrà a finire, e l’ala sinistra del movimento gay non intende che finisca lì.  Quando hai sconfitto l’opposizione etichettando le persone come “bigotte”, non si finisce per essere uguali.  Quello che stanno cercando è una schiacciante vittoria di una nuova definizione di matrimonio su una definizione basata sulla legge naturale e affermata dalla legge divina (vedere cosa dicono le Scritture).  Non mi credi?  David Parker lo fa.  È stato ammanettato per il suo rifiuto inflessibile di far insegnare alla sua scuola materna il matrimonio tra persone dello stesso sesso in classe nel Massachusetts.  Così fa il pastore Stephen Boissoin che è stato citato in giudizio per aver scritto sul matrimonio in Canada (gli ci sono voluti diversi anni di costose battaglie legali per combattere quella causa).  Così fanno le brave persone dell’Ocean Grove Methodist Camp, che hanno perso parte del loro status di esenzione fiscale per aver rifiutato di lasciare che i loro motivi venissero utilizzati per il matrimonio gay nel New Jersey.  La lista potrebbe continuare all’infinito

La tragedia per il movimento gay è che non importa quante leggi approviamo o persone  mettiamo a tacere, le coppie dello stesso sesso non possono mai avere “uguaglianza” se per uguaglianza intendono “la stessa cosa che le coppie di genere misto condividono”.  Non potranno mai godere dell’unione di una sola carne che sin dagli albori dell’umanità ha consumato il matrimonio e portato avanti la razza umana.  Questo atto ha un significato profondo non solo perché è espressione di affetto, ma perché – per sua natura – è ordinato verso qualcosa di profondo come una vita nuova, che richiede tanto impegno.  L’atto stesso, che solo l’uomo e la donna possono condividere, pronuncia un voto.  E nonostante tutti i nostri tentativi di riscrivere la legge sul matrimonio, non possiamo riscrivere il linguaggio dei nostri corpi.  Se questo è discriminatorio, allora la natura è discriminatoria.

Ed ecco il trucco: grazie alla legge naturale, lo sappiamo tutti in qualche modo.

 Quando le persone affermano che la funzione naturale delle nostre parti del corpo sembra loro selvaggiamente irrilevante quando si tratta di etica sessuale, o che semplicemente non riescono a vedere la differenza tra l’unione sessuale di un uomo e una donna e l ‘”unione” sessuale  di due donne, o che la complementarità dei sessi  sembra del tutto priva di significato: o si stanno prendendo in giro da soli o hanno fatto una vita di duro lavoro per nascondere la verità ai loro intelletti.

Ma le nostre nuove strutture sociali non cancelleranno la verità scritta nei cuori e nei corpi.  E la nuova “inquisizione tollerante” che sta guadagnando terreno e che cerca di zittirci con accuse di “incitamento all’odio” e “discriminazione” per aver parlato di cose come la legge naturale e il bene comune non ci impedirà di dire la verità nell’amore (se siamo perseguitati per questo, così sia. Noi cristiani viviamo per la persecuzione).

Sotto questo aspetto, molto poco è cambiato.

_________________________

Chris Stefanick è il co-autore di Do I have to go?  (sulla messa), Raising Pure Teens e Absolute Relativism.  La sua parola scritta raggiunge anche decine di migliaia di persone al mese attraverso il suo popolare programma nazionale.  Egli è veterano da 14 anni della Pastorale Giovanile ha prestato servizio in una parrocchia nell’area di East LA, come Direttore del Ministero della Gioventù e dei Giovani Adulti per la Diocesi di Lacrosse e come Direttore del Ministero della Gioventù, dei Giovani Adulti e del Campus per l’arcidiocesi di Denver.  Egli è fondatore e presidente di Real Life Catholic, un’organizzazione senza scopo di lucro dedita a coinvolgere nuovamente le generazioni future.  Ma Chris è orgoglioso, soprattutto, di essere marito e padre di sei splendidi bambini.

Leave a Reply