21 fatti fantastici che non conoscevi su JP2

1. Ai tempi di quando faceva teatro ha letteralmente salvato lo spettacolo con la sua memoria fenomenale

Sappiamo tutti che JPII aveva una passione per il teatro e la letteratura anche da giovane adolescente.  Ma quello che non sapevo era che una volta aveva salvato lo spettacolo con la sua incredibile memoria.

Uno dei membri del cast della sua produzione ha abbandonato la compagnia teatrale 2 giorni prima della serata di apertura.  E immagino che a quei tempi non avessero dei sostituti?!

Ma niente panico: la mente assorbente del giovane Karol aveva sostanzialmente memorizzato  le battute di ogni persona durante le prove, e si offrì di assumere un ruolo extra.  Lo spettacolo doveva continuare!

 2. Durante le sue gite in campeggio con il gruppo di giovani, leggeva The Screwtape Letters intorno al fuoco.

Molti di noi sanno che papa Wojtyla amava passare il tempo all’aria aperta con i giovani, mentre era parroco in Polonia e anche più tardi come cardinale.  I viaggi dovevano essere nascosti poiché tali uscite erano vietate dalle potenze comuniste.  Andavano in kayak, canoa, escursioni, a volte celebrava la messa su una canoa rovesciata.

E a quanto pare, intorno al fuoco di notte, cantavano un po ‘di Canti di Chiesa e leggevano libri, incluso il classico di C.S. Lewis The Screwtape Letters (pubblicato nel 1942).

 3. I comunisti, ironicamente, volevano che diventasse arcivescovo di Cracovia

 Mentre il governo comunista consentiva ancora alla Chiesa in Polonia di nominare i propri candidati per sostituire il posto vacante affermava il diritto di respingere tutti i candidati che non gli piacevano.

E hanno continuato a porre il veto fino a quando non hanno ottenuto la loro prima scelta: Karol Wojtyla

Pensate a che momento imbarazzante è stato quello in cui l’uomo che hai selezionato in seguito diventa papa e poi torna in Polonia per rovesciare il comunismo.  Probabilmente è stata la peggiore sottovalutazione della storia umana.

 4. Spalava cacca congelata.

 JPII non ha mai avuto paura di fare lavori  sporco, o di abbassarsi ai compiti più umili.

 Poco dopo il passaggio di potere in Polonia dai nazisti ai comunisti, Karol ei suoi compagni seminaristi poterono tornare al loro seminario che era caduto in un terribile stato di rovina.  I tubi erano congelati e le latrine erano un vero disastro.  Cumuli di escrementi congelati dovevano essere sminuzzati con le pale e portati via.

 Quindi la prossima volta che hai un compito disgustoso a cui occuparti, ricorda solo che anche JPII è stato lì.

 5. JPII Ha continuato a sciare fino all’età di 73 anni

 Una delle mie storie preferite è quella del bambino di 8 anni a cui è capitato di vedere JPII sulle piste poiché hanno fatto un paio di discese insieme, e la madre del ragazzo non avrebbe creduto che il suo fantasioso figlio avesse effettivamente sciato con il Papa – fino a quando non si è presentato a lei.

 6. Andò sulla luna e tornò 3 volte durante la sua vita

 Ebbene, stiamo parlando della stessa distanza comunque: 775.000 miglia!

 L’uomo era in missione e sentiva che la sua chiamata come pastore a una Chiesa universale aveva davvero bisogno di uscire e incontrare il gregge universale.

 “Non dovrei essere papa per tutto il mondo?”  Egli ha detto.

 7. Qual è stato il “giorno più felice della sua vita”?

 Gesù io credo in te

 Secondo lui è stato il giorno in cui ha canonizzato suor Faustina come prima santa del nuovo millennio.

 La sua devozione alla Divina Misericordia è stato uno dei temi centrali della sua vita, qualcosa di molto vicino e caro al suo cuore, soprattutto come polacco.

 “Non c’è niente di cui l’uomo ha bisogno più della Divina Misericordia”

 8. Ha scritto questo pezzo profondo di poesia

 Durante l’invasione nazista, quando Karol dovette lavorare in una cava in condizioni sotto lo zero (e fare un tragitto di 30 minuti alle prime luci dell’alba), assistette alla morte di un compagno di lavoro a causa di un’esplosione di dinamite.  In seguito ha scritto questa poesia:

 Lo adagiarono, con la schiena su un foglio di ghiaia

 Venne la moglie, sfinita dalla preoccupazione;  suo figlio è tornato da scuola …

 Di nuovo le pietre in movimento: un carro che ammacca i fiori.

 Anche in questo caso la corrente elettrica taglia in profondità le pareti.

 Ma l’uomo ha portato con sé la struttura interna del mondo,

 Dove maggiore è la rabbia, maggiore è l’esplosione d’amore.

 9. Ha fatto un paio di mosse di James Bond per eludere la polizia segreta

9. Gli occhiali di  JPII

 Quando era vescovo in Polonia durante il regno comunista, la polizia segreta lo teneva costantemente d’occhio e cercava di studiarlo (quando divenne papa, avevano accumulato 18 schede di rapporti su di lui).

 Una volta, quando l’arcivescovo aveva bisogno di un incontro segreto con Karol, l’autista di Karol fece una piccola acrobazia nel traffico che tagliava la visuale del loro inseguitore;  Karol ha scambiato le auto a loro insaputa e ha potuto incontrare l’arcivescovo in pace.

 Il governo ha anche intercettato la residenza dei vescovi con delle cimici, di cui Karol era a conoscenza e quindi ne ha approfittato.  Parlava a voce molto alta quando voleva che sentissero qualcosa e avrebbe risparmiato le conversazioni private per le sue escursioni segrete nella natura selvaggia.

 Scusate! Vi prendeva in giro miei cari comunisti.

 10. I suoi diritti d’autore sui libri costruirono chiese in Jugoslavia

 “ Varcare la soglia della speranza “

 Papa Giovanni Paolo II per tutta la sua vita è stato un donatore.  E ha fatto un dono di se stesso e un dono del suo tempo e talento.

Proprio come un esempio, dopo aver pubblicato “Varcare la soglia della speranza” – che tra l’altro ha venduto milioni di copie  – ha utilizzato i primi pagamenti delle royalty per ricostruire le chiese che erano state distrutte dal conflitto in Jugoslavia.

 Era anche noto per regalare i vestiti nuovi acquistati per lui e continuare a indossare quelli vecchi.

11. Egli ha ricevuto il sacramento della Riconciliazione da Padre Pio

 Nel 1947, p.  Wojtyla visitò Padre Pio che ascoltò la sua confessione.

Papa Giovanni Paolo II lo canonizzerà 55 anni dopo.

12. Il suo predecessore Papa Giovanni Paolo I ha detto questo …

 “Il mio nome è Giovanni Paolo il primo.  Sarò qui solo per poco tempo.  Il secondo sta arrivando. “

 13. Era il re del multitasking

 Giovanni Paolo II aveva un’etica del lavoro incredibile, ed è stato descritto da uno dei suoi segretari come un “vulcano di energia”.  Non era insolito per lui lavorare 12-16 ore al giorno.

 Aveva il dono della “concentrazione divisa” e molte persone hanno raccontato come avrebbe potuto avere una conversazione completa con te mentre stava leggendo – ed essere ancora presente.  A volte si stancava alle riunioni se non lavorava contemporaneamente a qualcos’altro.  Infatti, durante il Vaticano II, leggeva e scriveva libri e poesie di ogni genere.

 14. Ha letto Marx nel conclave papale

 In effetti, era così potente la sua voglia di essere costantemente multitasking, di nutrire costantemente il suo intelletto, che portò persino materiale da leggere nel conclave papale poco prima della sua elezione.  E fra tutti i libri … leggeva la letteratura marxista.

 Come ha detto al suo amico, “se vuoi capire il nemico, devi sapere cosa ha scritto”.

 15. Un pubblico di 300.000 persone non smise di applaudirlo per 14 minuti

 Durante il suo viaggio spartiacque di ritorno in Polonia come Papa nel giugno 1979, JPII celebrò la Messa di Pentecoste in Piazza della Vittoria davanti a una folla di 300.000 persone.  A un certo punto, il loro selvaggio applauso non si è fermato per 14 minuti di fila.

 Prenditi un momento per immaginarlo.

La Polonia era un popolo, una cultura, repressa da un comunismo che negava la loro dignità umana di persone.  E ora uno di loro, un ragazzo polacco di Wadowice, torna, come Papa, in patria, con un messaggio di libertà e speranza.

 “Manda il tuo Spirito!  Manda il tuo Spirito!  E rinnova la faccia della Terra!  Della sua terra! “

 16. Se metti insieme tutto ciò che ha scritto, sarebbe pari alla lunghezza di 20 Bibbi

Scrisse una media di più di 3.000 pagine all’anno durante il suo solo pontificato.

 17. Fu il primo papa a mettere piede in una moschea

 Il suo amore per la persona umana si estendeva ben oltre i confini della Chiesa cattolica, a tutte le religioni, a tutte le razze, a tutte le lingue.

 18. Fece guadagnare alle Guardie Svizzere il loro mantenimento

 Immaginate questo: una forma con il cappuccio nero e il mantello che sgattaiola fuori dalla porta sul retro del Vaticano.

 JPII era uno di quei leader, che usciva di nascosto per non essere notato dalle sue stesse guardie di sicurezza.  Spesso queste escursioni erano per fare un po ‘di svago in montagna o per andare a sciare.  Per quanto l’uomo fosse impegnato, comprendeva anche la necessità di equilibrio e divertimento.

 19. Gli piaceva un po ‘di umorismo autoironico

 In un’occasione, una conversazione è andata più o meno così:

 JPII: “La musica è estremamente utile per la preghiera.  Come ha detto sant’Agostino: “Chi canta, prega due volte” “.

 Amico: “Eri un bravo cantante, Santo Padre?”

 JPII: “Quando cantavo, era più come se pregassi solo una volta.”

 20. Conosceva per nome tutti i 2.000 e oltre vescovi del mondo.

 Teneva una mappa in cui segnava ogni diocesi del mondo e conosceva a memoria ogni vescovo.

 La sua memoria non era neppure limitata alla leadership della Chiesa.  Guardie svizzere, seminaristi e conoscenti casuali che aveva appena incontrato rimasero sbalorditi dai dettagli casuali che ricordava su di loro anni dopo.

 21. Più persone lo hanno visto di qualsiasi altra persona nella storia umana

 JPII e le folle:

 Bene, questo è quello che dicono comunque.  E con un conteggio di mezzo miliardo di persone, ci sono altri contendenti  là fuori?

 ——————

Cosa hanno in comune tutti questi fatti?  Li ho letti nel nuovo libro di Jason Evert “Saint John Paul the Great: His Five Loves”.  E non sono ancora a metà strada.

 Seriamente, questo libro è fantastico.

 Saint John Paul The Great di JasonEvert mi è arrivato poche settimane fa, un generoso donatore ha regalato in modo anonimo copie del suo libro a tutti gli studenti e al personale dell’Università Cattolica John Paul the Great, e da allora ho lentamente assaporato la mia strada.  Questo elenco non graffia nemmeno la superficie delle gemme che troverai all’interno.

Il libro non è solo stimolante, è anche estremamente divertente e accessibile.  È pieno di un flusso continuo di aneddoti e storie che in qualche modo non ho mai conosciuto.  E se Giovanni Paolo II occupa già un posto speciale nel tuo cuore, o lo stai solo scoprendo, Evert ti attira con un viaggio commovente e potente attraverso l’incredibile vita di questo santo e nel suo cuore.

Consiglio vivamente di prenderlo e leggerlo per celebrare la canonizzazione.

San Giovanni Paolo il Grande, prega per noi!

 _________________________________

Joe Houde ha studiato economia e media all’Università Francescana di Steubenville.  Attualmente lavora per l’ammissione alla John Paul the Great Catholic University.

Leave a Reply