L’angoscia universale per il proprio passato sessuale

Che tu sia la persona con un certo passato o quello innamorato di qualcuno con un determinato passato, discutere del passato sessuale è una delle conversazioni più difficili da avere (e continuare ad avere) durante un processo di discernimento.

Da un lato esiste la paura del rifiuto, di non essere abbastanza bravi, di essere “troppo affranti” o “rotti” per meritare l’amore.

Dall’altra esiste la paura dei paragoni, di non misurarsi, di dover accettare che in un certo senso hai dovuto condividere il cuore e il corpo di chi ami con un altra persona.

Mi è capitato recentemente di fare un’intervista con “Song on Fire” (un grande gruppo cattolico in India) su questo argomento e sono rimasta stupita da tutte le domande che sono emerse. Dall’altra parte del mondo e in una cultura con diversi modi di discernimento / contratti matrimoniali  , l’universalità dell’angoscia che deriva dall’affrontare il passato sessuale di te stesso o della persona che ami era evidente.  Le domande che sono arrivate erano le stesse che ho posto a me stessa o ai miei amici sulle loro relazioni qui negli Stati Uniti.

Tutte le domande parlavano del fatto che il passato sessuale che ognuno di noi porta nella nostra relazione è unico, diverso dalle altre parti del nostro passato che possiamo condividere l’uno con l’altro.  Esso a a che fare con un atto sacro che è il culmine del fare un dono di sé a un altra persona nel matrimonio.  Ed è pensato solo per il tuo coniuge, quindi la persona che deve essere il tuo coniuge spesso sentirà il dolore come se l’azione si stesse verificando ora;  quasi come un’infedeltà attuale.  Sia che si tratti di una persona reale o di una persona virtuale (nella pornografia), il dolore è profondo da entrambe le parti.

Poiché le ferite sono collegate al nostro desiderio più profondo di amore e alla nostra più grande paura di non essere amabili, il processo di discuterne come coppia e guarire da esso può essere complicato.

Qui ci sono solo un paio di cose da considerare quando ci si immerge davvero in questo argomento insieme come coppia:
● È necessario decidere insieme quanto del passato deve essere condiviso e quali confini devono essere fissati.

○ Se sei tu a condividere qualcosa del tuo passato sessuale:

■ Pregate veramente e discernete quanto sentite di aver bisogno di fare una condivisione affinché vi sentiate riconosciuti, compresi e, quindi, davvero amati dall’altro.

■ Fai attenzione a non “scaricare” accidentalmente ogni singolo dettaglio sull’altra persona, che potrebbe essere più utile, invece, alla guida spirituale oppure come consiglio facente parte del tuo processo di guarigione.

■ Sii consapevole del fatto che potresti dover rassicurare l’altra persona molte volte del tuo amore e del motivo per cui le altre relazioni sono finite e di come quella che voi due condividete ora è diversa.  Bisogna indicare esempi concreti della tua guarigione e del tuo cambiamento perché può essere utile, specialmente se il passato che condividi implica qualcosa che crea dipendenza come la pornografia.

○ Se sei tu a imparare il passato sessuale della persona che ami:

■ Prega davvero e discerni quanto hai bisogno di sapere una certa informazione per aiutarti a conoscere meglio l’altra persona e cercare la comprensione per quello che stava attraversando quella persona in quel momento e dove si trova attualmente nel viaggio di guarigione.

■ Fai attenzione a non scavare in dettagli intimi o fare domande sugli ex per il gusto di confrontarti con loro: lo so che è una tentazione reale, ma semplicemente non aiuta nessuno di voi.

■ Inizia a pregare per la continua guarigione non solo della persona che ami, ma di tutti gli ex.  All’inizio potresti non volerlo, ma ti aiuta ad andare in quei posti in modo amorevole e iniziare a personalizzare le persone invece di tenerle vive come fantasie a cui non sarai mai all’altezza.

■ Sii onesto con il tuo dolore, ma sii anche gentile e amorevole perché questo argomento è spesso molto difficile da condividere per te e l’altra persona.

Non importa da che parte stiate durante queste conversazioni e nel periodo di guarigione che segue, ognuno di voi deve rivolgersi al Padre per trovare il proprio valore e la propria guarigione.  Solo allora potrai aprirti vulnerabilmente su dove sei caduta/o e dove fa male, o entrare coraggiosamente in quei luoghi con il tuo amore e lavorarci sopra attraverso il dolore.

Ricorda, quando discuti il matrimonio non stai discernendo se l’altra persona è perfetta per te o ha più o meno un certo “bagaglio” adeguato a te, ma si tratta, piuttosto, di pensare alla persona con la quale sei chiamata/o a camminare accanto in un pellegrinaggio verso il paradiso.  Tutte le croci sono più leggere se portate insieme nell’amore.

“La mia grazia è sufficiente per te, perché il mio potere è reso perfetto nella debolezza.”
(2 Corinti 12: 9)

Per l’intervista completa segui il link di “Song on Fire”: LINK

______________________________

Kaylin Zumwalt (Koslosky) è un’insegnante di scienze part-time al liceo e moglie a tempo pieno del suo migliore amico / marito ed è anche mamma della loro bellissima bambina (e di un altro bambino previsto per agosto 2021).  Ama fare escursioni e stare all’aria aperta ed è appassionata di condividere la bellezza di Cristo, la Sua Chiesa e il vero amore con gli altri.

 

Leave a Reply