Quindici

Esiste una canzone di Taylor Swift chiamata “Fifteen” che contiene un testo che risuona profondamente dentro di me:

“Nella tua vita farai cose più grandi che uscire con il ragazzo della squadra di football. Non lo sapevo a quindici anni.”

E a venticinque anni mi sentivo addirittura già vecchia. Ora, guardando indietro, capisco che a 25 non si è vecchi, ma a 15 si è decisamente giovani. Avviso ai miei lettori adolescenti: non fraintendetemi; Non vi sto chiamando immaturi. Tuttavia, a quindici anni, o a sedici o diciassette anni, il senno di poi non esiste, il che rende fin troppo facile vivere il momento e molto più difficile vedere il quadro più ampio delle situazioni.

Quando penso alla persona che ero a 15 anni, la mia mente si accende immediatamente ripensando alle gradinate ghiacciate nelle sere di fine Novembre, scrutando un campo da calcio per il primo e unico ragazzo che abbia mai veramente amato, e il mio cuore va a quella ragazza che sapeva poco sulla propria identità. A 15 anni, i miei sentimenti per quel ragazzo erano così centrali per come ero fatta. Era centrale sapere come si sentiva per me, come mi sentivo quando ero con lui, cosa saremmo diventati – tutto questo mi ha assolutamente consumato, avendo preso la precedenza sulla mia identità di figlia di Dio.

Nella nostra adolescenza, anche se potessimo amare Dio perché siamo stati educati ad amarlo, spesso è così lontano dalla nostra mente che diventa una sorta di ripensamento. Arranchiamo tra le lezioni extracurricolari, lo studio per i test di AP (Advanced Placement corso: scolastico statunitense e canadese), lo shopping di abiti per gli appuntamenti formali e le date dei film del venerdì sera che costituiscono quasi l’intero grafico a torta del nostro cervello al liceo, lasciando solo un piccolo frammento per la fede. Per me, uscire seriamente con qualcuno da adolescente ha offuscato il mio giudizio e mi ha reso così annebbiata dall’amore che è diventato impossibile prendere decisioni sane radicate nella fede, perché tutto ciò che volevo davvero era dare al mio ragazzo di allora tutto ciò che voleva. Volevo metterlo al primo posto.

In un certo senso, è proprio a causa di quell’altruismo che so di amarlo come avrei potuto fare in quel momento: l’amore richiede che diamo la priorità ai bisogni di qualcun altro rispetto ai nostri. Tuttavia, l’amore non richiederà mai di compromettere la nostra identità per un’altra persona, che è ciò che si verifica in genere nella maggior parte delle relazioni da giovani. Come risultato del non sapere ancora chi sei, diventi una versione di te stesso con qualcun altro che potresti non aver scelto consapevolmente.

Avviso ai lettori delle scuole superiori: non ti sto dicendo di non uscire con qualcuno, ma ti esorto a considerare di posticipare un appuntamento esclusivo fino a quando non sarai al college, con un po’ più di convinzione su chi sei e cosa credi al di fuori di un’altra persona. Amare qualcuno così profondamente è stata l’esperienza più significativa della mia vita, e quell’amore ha avuto origine negli anni del liceo – in molti modi, probabilmente avevo bisogno di quell’esperienza per comprendere appieno e abbracciare tutte le convinzioni a cui sono appassionata oggi. Tuttavia, quella relazione mi ha messo su un percorso che ha mi portato via dalla fede e ha portato a molti anni di compromesso su chi volevo essere in modo da poter essere più appetibile al mio ragazzo. Era, ed è, uno degli uomini migliori che abbia mai conosciuto, ma siamo cresciuti come persone con priorità molto diverse che non potevano essere riconciliate. E così quello che seguì da parte mia fu una decisione difficile e dolorosa consistente nel porre fine a una relazione di sei anni con qualcuno che una volta pensavo di sposare.

Agli adolescenti: sappiate che chi state diventando qualcuno come risultato dei vostri sogni e delle vostre convinzioni ed è molto più significativo rispetto a chi siete in quanto fidanzato o fidanzata di qualcuno. Custodisci la parte di te che vuole dare tutto a qualcuno per gli anni in cui è effettivamente possibile e sano farlo; quando il matrimonio sarà effettivamente un’opzione raggiungibile e reale. Non ignorare o temere le scariche elettriche che scorrono sotto la tua pelle quando lui o lei ti tiene la mano – le “scintille” sono un dono dato da Dio che deriva dalla nostra umanità – ma comprendi bene che il tuo valore è di gran lunga superiore a un sentimento. Questi sono i tuoi anni per essere egoista con la tua identità; i tuoi sogni; la tua virtù, perché è in questo “egoismo” che crescerai come individuo più altruista e pienamente pronto e capace di donarsi alla persona giusta.

(Dai un’occhiata al mio libro, Libertà di amare, per saperne di più sul progetto di Dio per l’amore autentico che Egli è destinato a te. “)

_______________________

Lindsey Todd si è laureata alla West Chester University nel 2016 con un B.A. (percorso scolastico statunitense) in inglese e attualmente lavora come scrittrice tecnica per Mars, Inc. Nel tempo libero le piace viaggiare, cantare, giocare con il suo cane, leggere e fare esercizi. Ama anche l’arte, la moda e le discussioni politiche e teologiche profonde. Lindsey ha una devozione speciale per il Santissimo Sacramento e un amore speciale per San Papa Giovanni Paolo II. Lindsey è appassionata nel condividere la bellezza della castità con gli altri, in particolare come scrittrice cattolica. Il suo libro sulle relazioni di coppia pura, Freedom to Love, è ora disponibile su Amazon, Kindle e la piattaforma FORMED per i media cattolici digitali. Lindsey risiede attualmente nella contea di Bucks, in Pennsylvania. Puoi saperne di più sul suo lavoro su www.lindseytodd.net.

Leave a Reply