Come combattere la dipendenza da pornografia come Sant’Agostino

Sant’Agostino non era estraneo alla lussuria. E, in effetti, se vivesse nel mondo odierno, potrebbe persino descrivere se stesso come un tossicodipendente. Egli scrive nelle sue “Confessioni”:

… non ero legato con il ferro delle catene di un altro, ma con la mia volontà di ferro. Il nemico ha tenuto la mia volontà; e ne ha fatto una catena e mi ha legato. Poiché la mia volontà era perversa, si trasformò in lussuria, e la lussuria divenne abitudine, e l’abitudine a cui non ci si opponeva divenne una necessità.

Necessità. Si sentiva come se avesse bisogno del piacere sessuale.

Ma il sesso è vita?

Posso identificarmi con Agostino. Ciò che alimentava la mia dipendenza dal porno più di ogni altra cosa era la menzogna che il sesso fosse la vita. All’epoca ero single e credevo che il sesso fosse un “bisogno” fondamentale ed essenziale di cui ero privato. Sentire che Dio voleva che rinunciassi al porno suonava come se Dio volesse che rinunciassi alla vita stessa. E poi ero arrabbiato con Dio per avermi creato con voglie così forti e poi aver strappato le caramelle dalla mia mano come un padre capriccioso.

E così ho dovuto imparare che il sesso, sebbene buono e piacevole, non è la vita. Il desiderio di sesso e intimità è buono, ma anche la migliore intimità nel matrimonio è stata progettata da Dio per essere un riflesso di qualcosa di più grande.

Una visione più ampia

Cosa ha determinato il cambiamento nel cuore di Agostino? Nelle sue Confessioni scrive di un giorno in cui la sua anima fu così tormentata dal proprio peccato che una potente tempesta si scatenò in lui, provocando un diluvio di lacrime. E, mentre piangeva, poteva sentire il suono della voce di un bambino che cantava in lontananza: “Prendi e leggi, prendi e leggi”. E lo ha preso come un segno di Dio che inviatava a trovare la sua copia delle Scritture e leggere la prima cosa su cui caddero i suoi occhi.

Questo è esattamente quello che ha fatto. Afferrò la sua copia del libro ai Romani e i suoi occhi si posarono su Romani 13: 13-14: “Camminiamo correttamente come di giorno, non nelle orge e nell’ubriachezza, non nell’immoralità sessuale e nella sensualità, non nel litigio e nella gelosia. Ma rivestitevi del Signore Gesù Cristo e non fate provviste per la carne, per soddisfare i suoi desideri. ”

Lo scrive Agostino mentre finisce la frase, “una luce di assoluta fiducia brillava nel mio cuore, e tutta l’oscurità dell’incertezza è svanita”. Da quel giorno in poi, ha dedicato la sua vita al servizio di Cristo.

La dipendenza dal sesso riguarda la fede 

La fede è sorta nel cuore di Agostino quel giorno era una fiducia incrollabile che Cristo era più che sufficiente per soddisfare il suo cuore inquieto. L’unico modo in cui poteva mettere in pratica i comandamenti di Romani 13: 13-14, rifiutando ogni lussuria e sensualità, era di abbracciare le parole soddisfacenti “rivestiti del Signore Gesù Cristo”.Questo è ciò che significa liberarsi dalla lussuria: non solo rifiutare i piaceri della lussuria, ma abbracciare i piaceri più grandi di Dio.Inseguiamo il porno perché ci sta promettendo qualcosa e crediamo in quelle promesse. Nel suo fantastico libro, Closing the Window, il dottor Tim Chester identifica sei promesse che il mondo fantastico del porno fa spesso ai suoi spettatori:

1. Rispetto. Se ci sentiamo inadeguati o rifiutati, i nostri cuori peccaminosi spesso bramano il rispetto umano e il porno offre questa fantasia. Nel mondo fantastico, siamo adorati da donne o uomini di fantasia. Il porno ci offre un mondo erotico in cui siamo abbastanza uomini o donne abbastanza da catturare il rispetto degli altri con la nostra abilità sessuale.

2. Relazione. Desideriamo l’intimità, ma non ci piacciono i suoi rischi. Vogliamo essere vicini agli altri, ma non vogliamo essere vulnerabili. Vogliamo una vera relazione, ma vogliamo essere noi ad avere il controllo. Il porno ci dà questa illusione: possiamo sentirci “connessi” ma non avere tutto il casino di una vera relazione.

3. Rifugio. In tempi di difficoltà o paura di fallire, vogliamo alleviare i nostri stress. Quando la vita si fa dura, vogliamo scappare da qualche parte, vogliamo fingere di essere qualcun altro o altrove. Il porno ci offre un mondo fantastico in cui non siamo mai un fallimento: ottenendo sempre la ragazza o il ragazzo che desideriamo.

4. Ricompensa. In tempi in cui siamo annoiati o quando ci sentiamo come se avessimo fatto grandi sacrifici, spesso desideriamo ricompensarci. Questo senso di diritto ci spinge ancora e ancora nel mondo della fantasia dove le nostre menti oberate di lavoro e l’ego sottovalutato possono “ottenere ciò che ci meritiamo”.

5. Vendetta. In tempi di frustrazione e rabbia, potremmo rivolgerci al porno come atto di vendetta contro un’altra persona (come il nostro coniuge che non fa sesso con noi quando vogliamo) o contro Dio (che non ci sta dando la vita che vogliamo). Il porno è il nostro capriccio al mondo che non soddisfa i nostri desideri.

6. Redenzione. Nei moneti di colpa e odio verso se stessi, il mondo fantasy del porno offre falsa redenzione. Se ci sentiamo in colpa, la pornografia dice, “Stai bene così come sei. Niente di te deve cambiare. Se siamo impantanati nell’odio per noi stessi, il porno è il nostro modo di punirci. “Questa è la vita vergognosa che merito”, ci diciamo. Il porno è un modo per assecondare il nostro oscuro mondo di autocommiserazione.Queste sono le false promesse del porno, e per ogni persona è un po’ diverso. Solo uno di questi potrebbe suonare come vera per alcune persone. Per altri, molti o tutti suonano come vere.Ma quando si tratta di liberarsi, abbiamo bisogno delle migliori promesse del Vangelo per battere il potere del peccato. Liberarsi dalla lussuria riguarda in ultima analisi la fede: crederai a Dio o al porno?

Promesse migliori 

Il Dottor Tim Chester ci mostra come il Vangelo può superare il potere del peccato.

1. Rispetto. Se ci sentiamo inadeguati o respinti, dobbiamo ricordare che Dio è quello che ci offre un’autentica accettazione attraverso Cristo. Gli uomini o le donne della fantasia non ti conoscono. Non ti amano. Cristo sì. Dobbiamo pentirci di aver bisogno dell’approvazione degli altri (ciò che la Bibbia chiama “la paura dell’uomo”), perseguire soprattutto la gloria di Dio (1 Corinzi 10:31) e anticipare la gloria che promette a coloro che si fidano di Lui (Giovanni 5:44). La sua approvazione è di gran lunga migliore dell’approvazione di uomini o donne fatta di pixel su uno schermo.

2. Relazione. Quando desideriamo l’intimità con gli altri, ma temiamo il rischio, dobbiamo correre a Dio come Padre sovrano sulle nostre relazioni. Le relazioni sono rischiose. I cuori possono essere spezzati. Le emozioni sono disordinate. Ma Dio promette che tutto ciò che attraversamo funzionerà per sempre per coloro che lo amano e sono chiamati secondo il suo scopo (Romani 8:28). Dio può e prenderà tutte le nostre relazioni — anche quelle fallimentari — e le userà per conformarci all’immagine di suo Figlio (v.29). Sapendo questo, possiamo perseguire una genuina intimità con gli altri in un modo divinamente fertile e non ricorrere alla falsa sicurezza del sesso digitale.

3. Rifugio. Quando siamo stressati o quando la vita diventa dura, Dio è il nostro vero rifugio, la nostra roccia, fortezza, liberatore e roccaforte (Salmo 18:1-3). Non importa quali siano le nostre circostanze, accanto al Dio che scuote la montagna e respira il tuono, i nostri problemi non corrispondono a lui (v.7-13). E, piuttosto, che medicare i nostri lividi con la fantasia, possiamo fuggire in Lui, gettando tutte le nostre cure su di lui perché si prenda cura di noi (1 Pietro 5:6-7).

4. Ricompensa. Al posto di avere la nostra ora di piacere ed eccitazione, dovremmo correre da Dio che è la nostra acqua viva. Il pozzo del porno è vuoto e il tempo dirà quanto poco soddisfa, ma Dio è la nostra fonte di acqua viva (Geremia 2:13). E, invece, di correre alla soluzione rapida del porno, dovremmo coltivare una vita di comunione con Dio, attraverso la preghiera, il digiuno, la meditazione sulla sua Parola e il culto. Dovremmo coltivare un desiderio per l’eterna ricompensa di vivere con Lui per sempre, rifiutando i piaceri temporanei del peccato (Ebrei 11:24-26).

5. Vendetta. Quando siamo arrabbiati per il fatto che Dio non ci sta dando la vita che vogliamo, siamo come il fratello maggiore nella parabola del Figliol Prodigo (Luca 15:29-31). Consideriamo i nostri sacrifici, la nostra obbedienza e la nostra devozione, e crediamo che Dio ci “debba” qualcosa. Ma Dio non si relaziona con noi in questo modo: si relaziona con noi come Padre amorevole. Non siamo servitori di Dio, ma i suoi figli e le sue figlie. Quando non otteniamo ciò che vogliamo, dobbiamo concentrare la nostra fede su Dio che ci conosce meglio di quanto conosciamo noi stessi. Sa esattamente quali benedizioni sono le migliori per noi nel suo tempismo perfetto.

6. Redenzione. Nei momenti di colpa o di vergogna, dobbiamo correre da Dio che ci perdona liberamente di ogni cosa non giusta (1 Giovanni 1:9).

Non troveremo la redenzione ignorando il nostro peccato o cercando di punirci. Dobbiamo guardare a Cristo, il nostro Sommo Sacerdote perfetto: “con un’unica offerta ha perfezionato per tutti i tempi coloro che vengono santificati” (Ebrei 10:14). Quando ci vengono in mente la nostra colpa e i nostri fallimenti, dobbiamo ripetere le parole pronunciate da Gesù sulla croce: “È finita” (Giovanni 19:30).

La gioia di Agostino

Prima della sua potente conversione, Agostino sentì la doppiezza nel suo cuore. Ricorda la sua preghiera: “Ho fatto volontà di adorarvi liberamente e di godervi, o Dio, l’unica gioia certa”. È così che ha sconfitto la lussuria: facendo di Dio la gioia suprema della sua vita.

____________________

Luke Gilkerson è l’editore generale e autore principale di Breaking Free, il blog di Covenant Eyes. Luke ha una laurea in filosofia e studi religiosi e sta lavorando a un’altra laurea in religione. Prima di lavorare ai Covenant Eyes ha trascorso sei anni come ministro del campus. Le attività preferite di Luke includono il blog, la lettura di libri di teologia, l’avvio di discussioni filosofiche casuali, gli incontri con sua moglie Trisha e i giochi con i suoi quattro figli. Luke e sua moglie curano il blog al IntoxicatedOnLife.com.

Leave a Reply