Siete liberi di amare?

Una delle mie battute preferite proveniente da uno dei film che ho visto è quella del live action della Disney La bella e la bestia.  Belle ha vissuto in cattività nel castello della Bestia per mesi e, dopo aver stabilito una sorta di amicizia con la Bestia, quest’ultima chiede, finalmente, a Belle – in un raro momento di considerazione – se pensa che potrebbe mai essere felice con lui lì nel castello. Belle risponde semplicemente: “Qualcuno può essere davvero felice se non è libero?”  Questa domanda è il catalizzatore che costringe la Bestia a ripensare alla prigionia di Belle, e alla fine decide che il modo migliore (e unico) per amarla è lasciarla andare, anche se questa decisione ha dei costi personali estremi.

Questo momento cinematografico porta tutto il peso e la risonanza emotiva della verità.  Nella vita reale, l’amore autentico non può essere forzato o inventato.  Il vero amore richiede libertà.  Allora perché ci accontentiamo della schiavitù quando Cristo ha comprato la nostra libertà?

Sto ovviamente parlando delle conseguenze del peccato sessuale, le cui radici inibiscono la nostra capacità di scegliere liberamente un altro sulla base di obiettivi, valori e virtù condivisi.  Sto parlando a ogni giovane adulto là fuori che ha affrontato, o forse sta ancora lottando, con la tentazione del sesso prematrimoniale.

E, magari, in questo momento ti sembra di essere libero.  Al momento, puoi convincerti di quasi tutto;  i tuoi sentimenti possono essere così travolgenti e potenti per il tuo partner che sei quasi in grado di giustificare qualunque peccato si verifichi nella tua relazione.  Ma lasciatemi parlare di qualcosa di più potente: la castità è molto di più, molto di più della semplice astinenza.  In effetti, mi spingerei a dire che l’astinenza come costrutto sociale è arcaica e, in molti casi, disordinata senza castità al suo centro.  Dopotutto, sono sicura che tutti abbiamo sentito il vecchio detto: “Perché comprare una mucca quando puoi avere il latte gratis?”  Questo non è certo un argomento convincente per i giovani adulti di oggi, che sperimentano molto meno il giudizio culturale rispetto ai nostri nonni.  Le donne negli anni ’40 dovevano preoccuparsi di preservare la propria reputazione e io mi spingerei a dire che la “reputazione” non esiste più oggi come esisteva una volta.  Oggi chiunque può farla franca con qualsiasi cosa sulla base del fatto che è la propria versione della verità.  La verità non è più valutata come oggettiva o assoluta, quindi perché praticare l’astinenza se non è più un’aspettativa culturale?  Anzi, perché praticarlo se la cultura si aspetta da te l’esatto contrario?

La differenza tra astinenza e castità?  La castità incoraggia e rende possibile la libertà di scegliere e la libertà di amare.  Quando la castità esiste in una relazione, ogni persona sta vivendo il disegno di Dio per abbracciare la pienezza dell’amore umano sostenendo la dignità dell’altro, valorizzando l’altro, ma senza danneggiarlo o metterlo a repentaglio e usarlo come oggetto di piacere.  Con il sesso prima del matrimonio, la decisione di entrare con tutto il cuore in una relazione è confusa dalle risposte ormonali e psicologiche che sperimentiamo come risultato di ciò che dovrebbe accompagnare un’unione coniugale, e questo non è ciò che Dio vuole per noi.  Se un comandamento non esistesse se non per amore, non sarebbe affatto un vero comandamento perché Dio è amore.

Dio comanda forse qualcuno di amarlo?  Pensaci: il Creatore dell’universo ha spogliato il nostro libero arbitrio in modo che non avessimo altra scelta che adorare?  Avrebbe potuto farlo in modo assoluto, abbastanza facilmente e senza complicazioni.  Non ci sarebbe stata alcuna caduta, nessun peccato, nessun male senza il libero arbitrio.

… ma cosi non ci sarebbe nemmeno l’amore.

Se Dio stesso desidera che ci rivolgiamo a Lui e abbracciamo il Suo amore per noi con totale chiarezza e libertà, desidera lo stesso per noi nelle nostre relazioni terrene.  Senza la castità, non può esserci vera libertà di scelta: diventi emotivamente investito in modo eccessivo nella menzogna che stai scambiando con il tuo partner (“ci sei tu e solo tu, per sempre e sempre”) per prendere la decisione di amare liberamente.  L’amore senza libertà non è altro che una finzione e tu, invece, sei stato creato per ciò che vi è di più autentico al mondo.  Sei stato creato per il disegno celeste dell’amore.

“L’amore è paziente l’amore è gentile.  Non invidia, non si vanta, non è orgoglioso.  Non è maleducato, non è egoista, non si arrabbia facilmente, non tiene traccia dei torti.  L’amore non si diletta nel male, ma si rallegra con la verità “.  1 Corinzi 13: 1

___________________________________

Lindsey Todd è una studentessa di Master of Arts al Dartmouth College e autrice del romanzo cattolico Closure (disponibile online e nei negozi Barnes & Noble).  Nel tempo libero le piace viaggiare, cantare, fare escursioni, leggere libri di genere e fare esercizio.  Lindsey ha una devozione speciale al Santissimo Sacramento e una grande affinità per Santa Giovanna d’Arco e San Papa Giovanni Paolo II.  Lindsey è appassionata nel condividere la bellezza della castità con altre persone, in particolare come scrittrice cattolica.  Il suo libro di auto-aiuto sulle relazioni di coppia pura, Freedom to Love, è disponibile su Amazon e Kindle, ed è stato approvato da Jason Evert e Pam Stenzel.  Puoi seguire l’account dell’autore di Lindsey su Instagram: @veritaswords e saperne di più sul suo lavoro su www.lindseytodd.net.

Leave a Reply