Avevo 4 anni quando ho chiesto per la prima volta a mio padre del sesso.

Avevo 4 anni quando ho chiesto per la prima volta a mio padre del sesso.

Mio padre mi ha guardato con orrore, quindi ho chiesto: “Non è vero che fanno sesso due persone quando si spogliano e si baciano alla francese?” Era una domanda totalmente innocente, giusto? Beh, forse non del tutto innocente. Avevo sbirciato tra le dita abbastanza quando i miei genitori mi coprivano gli occhi durante alcune scene d’amore dei film. (Dai, so di non essere stata l’unica a farlo.)

Vorrei poter dire che mio padre ha risposto amorevolmente e onestamente su come Dio ha progettato il sesso e l’amore autentico. Vorrei che mi avesse detto che i nostri corpi sono tesori, che i nostri desideri sessuali sono buoni e che il sesso è una bella, intima espressione di amore e impegno per il proprio coniuge nel contesto del matrimonio. Ma quella notte ho ricevuto una sculacciata senza alcuna spiegazione e ho giurato di non parlare, ascoltare o nemmeno pensare al sesso mai più.

Quando ero in terza elementare, finalmente abbiamo avuto un computer a casa nostra. Ed è stato glorioso. Usavamo la nostra linea fissa per collegarci a Internet, ascoltando allegramente quei suoni striduli e robotici che ci assicuravano che presto avremmo avuto il mondo a portata di mano. I primi due mesi furono una gioiosa confusione di giochi per computer come Snake e Oregon Trail. Ma non mi ci è voluto molto tempo, seppur ancora bambina, per accedere a chat room con sconosciuti perversi, siti web erotici e pornografia. Sono passata dal reprimere i miei pensieri e sentimenti sessuali all’essere esposta al sesso nel modo più carnale e grottesco. Sapevo che era sbagliato, ma mi sono appassionata e tuffata a capofitto in una dipendenza segreta nella pornografia e nella masturbazione che è durata per circa 12 anni.

La pornografia mi ha insegnato che dovevo fare sesso con un ragazzo al primo appuntamento per ringraziarlo per la cena e che dovevo fare favori sessuali ai miei fidanzati per renderli felici. Mi ha insegnato a odiare me stessa e che non sono mai stato degna del vero amore. E poi ho perso la verginità e sono entrata in un mondo oscuro di promiscuità sessuale, droghe e depressione. Non mi importava del mio corpo, del mio cuore o della mia anima. E ho usato il sesso come strumento per ricevere ciò che pensavo fosse affetto, attenzione e amore. Ma mi sbagliavo profondamente. Stavo, invece, ricevendo false promesse, dolore su dolore, e alla fine il messaggio che valevo solo ciò che il mio corpo poteva offrire. Ci sono voluti molti anni di preghiera e terapia (ed è ancora un processo in corso) per invertire quei messaggi, per guarire dai traumi spirituali ed emotivi e per sciogliere quei nodi che mi hanno soffocato per così tanti anni.

La soluzione è semplice: i bambini devono imparare a conoscere il dono della sessualità (all’età appropriata) e questo processo deve iniziare a casa. Evitate le conversazioni imbarazzanti o dire cose del tipo “Non fare sesso perché l’ho detto io”, non funziona. Se i genitori non insegnano il sesso ai loro figli, il mondo lo farà al posto loro. E il mondo è pieno di bugie, abilmente e astutamente piantate dal Nemico. Parlate delle ramificazioni emotive, psicologiche e spirituali del sesso con i vostri ragazzi anche se fingono che questo argomento non gli importi. Trovate l’opportunità di dare risposte appropriate all’età, veritiere e amorevoli senza far provare vergogna o intimidire. Pregate per ricevere saggezza, pazienza e guida. Pregate per la loro purezza sessuale e la vocazione futura. Chiedete ai vostri sacerdoti di parlare del piano di Dio per la sessualità nelle loro omelie, di invitare oratori di castità e di investire in buoni e solidi programmi di Teologia del corpo. Ma soprattutto, vivete voi stessi la castità e la purezza. I giovani serbano ciò che viene loro insegnato. Quindi cercate la castità nel vostro matrimonio, date un calcio alla dipendenza dal porno, siate consapevole dei film, della musica e dei libri che consumate (mamme, mettete giù libri come “le 50 sfumature…”). Usate i controlli parentali su computer e smartphone e rimanete vicino al Signore attraverso la preghiera e i sacramenti.

Per coloro che hanno perso la verginità e sentono che non ha più senso aspettare, capisco. Ci sono passata anch’io. Abbiamo desideri sessuali e, a volte, sembra più facile cedere a questi. Ma vi sfido a ricominciare da capo, non solo per il vostro futuro coniuge, ma per voi stessi. Siete capaci di essere all’altezza della sfida. Vi meritate qualcuno che vi mostri la massima dignità e rispetto, che sacrifichi i desideri sessuali per la protezione del vostro cuore e della vostra anima fino a quando non potrete finalmente consumare i vostri voti matrimoniali la prima notte di nozze. Mio marito l’ho sposato perché sapevo che mi avrebbe amato come Cristo ama la sua sposa, la Chiesa: attraverso il sacrificio e la sofferenza, con forza, nobiltà e umiltà. Questo è quello che mi sono meritata. Questo è quello che meriti anche tu.

______________________
Maggie Kim è una moglie, una madre convertitasi di recente al cattolicesimo dopo aver scoperto il suo amore per l’Eucaristia, la Sacra Tradizione e le potenti preghiere di intercessione dei santi. È un’infermiera che ha una passione per le neo mamme e i bambini. Nel tempo libero le piace leggere, scrivere, mangiare dolci e guardare film al buio con una coperta calda e una tazza di caffè forte. Vive nel sud della California con suo marito Paul e due bambini: Audrey e Aiden. Ulteriori informazioni su PJKmusic.com

Leave a Reply