Perché i tuoi standard NON sono troppo alti

Ho parlato davvero con tante ragazze a cui è stato detto che avevano degli standard troppo alti. Anche a me è stato detto. Ma, come mi rassicurava un’amica, gli alti standard ne attirano altri altrettanto alti. Penso sia normale per per molti uomini essere in un primo momento intimiditi dalle donne con degli alti standard. Ma questo non li rende meno uomini. La questione è se siano disposti o meno a superare la paura e chiederti comunque di uscire, credendo che valga  la pena rischiare.

Sia che io abbia accettato o meno il loro invito, ho sempre avuto più stima per i ragazzi che mi hanno chiesto esplicitamente e di proposito di uscire per un appuntamento, rispetto a quelli che invece hanno evitato il punto con noncuranza o proposto vagamente di “incontrarci qualche volta”. Richiedendo intenzionalità e responsabilità, sono così stata in grado di vederli fiorire o appassire. Un uomo che sfiorisce sotto la pressione di quegli alti standard già nelle prime fasi, mostra semplicemente che non sarà all’altezza del matrimonio. Un uomo che affronta le sfide che gli poni e ti insegue con sincerità e impegno è in definitiva un uomo che si dimostrerà degno di conquistare il tuo cuore.

Tu meriti qualcuno che ti porti a Cristo. Qualcuno che ti dia tutto ciò che ha e tutto ciò che è per farti diventare santa. Qualcuno che offra di propria volontà la  vita per te, come Cristo ha fatto per la Chiesa. Ma se vogliamo che gli uomini si facciano avanti e siano uomini di questo tipo, dobbiamo dar loro lo spazio, l’opportunità e il sostegno per farlo. Ciò significa stabilire standard elevati e sfidarli a raggiungerli.

“Il livello di ogni civiltà è gran parte determinato dal livello della sua femminilità. Quando un uomo ama una donna, deve diventare degno di lei. Più alta è la sua virtù, più è nobile il suo carattere, più è dedita alla verità, alla giustizia e alla bontà, più un uomo deve aspirare ad essere degno di lei. La storia della civiltà  potrebbe effettivamente essere scritta in base al livello delle sue donne”. Fulton Sheen

Nel suo libro  Wild at Heart, John Eldredge scrive: “Ho sposato una donna che pensavo non mi avrebbe mai sfidato come uomo”. Non voglio essere una donna che non sfida un uomo a essere un uomo. Voglio essere una donna che tira fuori il meglio da quell’uomo, lo conferma nella sua forza e lo ispira alla grandezza. Permettere agli uomini di accontentarsi di ciò che è comodo non significa automaticamente amarli. In quanto donne, dobbiamo dimostrare loro che crediamo che siano capaci di fare di più e, innamorate, motivarli a raggiungere il loro potenziale.

La bellezza del disegno di Dio per gli uomini e per le donne è che essi si completano perfettamente. Quando tiriamo fuori il meglio di noi stessi, ci permettiamo a vicenda di essere il meglio. Essere il meglio di noi stessi significa cercare il meglio di Dio per noi, sapendo che il suo piano è sempre “di progetti di pace e non di sventura” (Geremia 29, 11). Se conosci qualcuno che non soddisfa gli standard che tu hai nel cuore, allora non iniziarci una relazione (https://chastity.com/2019/10/il-diavolo-vuole-insinuarsi-nella-vostra-relazione/ ). Confida in Dio, che ha in mente qualcosa di meglio per te.

“Cari giovani, non accontentatevi di niente che sia al di sotto dei più alti ideali”. San Giovanni Paolo II.

In definitiva, la scelta di tuo marito o di tua moglie non ricadrà solo su di te: ma anche sulla tua futura famiglia. Donne: cercate un uomo che sostenga e renda forti i vostri figli, e che infonda un saldo senso di dignità e valore nelle vostre figlie. Uomini, cercate una donna che coltivi la vostra famiglia man mano che cresce e che vi edifichi nella vostra paternità.

Ti meriti il meglio di Dio. Non accontentarti!

__________________________________________________

Ester Rich si è laureata in Psicololgia presso l’Università di Oxford, nel Regno Unito, e attualmente sta frequentando un Foundation  Year presso la Sion Community Youth  (http://www.sionyouth.org.uk/) lavorando con il loro gruppo della Pastorale Giovanile. Ama la Teologia del Corpo, Papa Francesco e il suo gruppo di preghiera. La sua passione è quella di dare alle donne il potere di essere ciò per cui sono state create, e scrive per “For Such a Time As This”.

 

 

Leave a Reply