Una lettera di un padre per la sua “figlia non abbastanza brava”

Mia cara figlia,

dal momento in cui il pensiero di te è entrato nella mia mente, avrei fatto di tutto per te. Ti ho amata come solo un padre può amare la sua bambina.

Riesco ancora a vedere nei tuoi occhi quello sguardo luminoso del giorno in cui sei nata, che coglieva la luce, i suoni e l’eccitazione di questo grande mondo.

La luce nei tuoi occhi è cresciuta insieme a te. Sei entrata in ogni cosa, hai fatto ogni domanda, e hai vissuto senza paura ogni nuova avventura che ti si presentava. Eri il mio piccolo fardello di luce e amore.

Ma ora quella luce ha lasciato i tuoi occhi. Quello spirito che ho visto così chiaramente, e che  illuminava ogni stanza in cui entravi, si è sbiadito.

Ora, invece di contenere la vita, i tuoi occhi contengono le lacrime.

Ora, invece di offrire il tuo cuore ad ogni persona che incontri, lo tieni al sicuro chiuso a chiave.

Al posto di esplorare la vita audacemente, la osservi da lontano e analizzi ogni singola parola e azione, con la paura di sbagliare.

E invece di essere sfacciatamente te stessa, provi a cambiarti per adattarti al modello dell’anno.

Se te lo chiedo, mi dici che stai bene; e forse tu ci credi veramente. Ma io ho conosciuto quella luce nei tuoi occhi e ho sperimentato quello spirito che è in te , e ho visto entrambi allentarsi sotto la pressione di questo mondo.

Forse nella tua vita ci sono stati dei ragazzi immaturi che ti hanno fatto male e spezzato il cuore.

O forse i tuoi amici ti hanno voltato le spalle quando tu ne avevi più bisogno.

O ancora forse lo specchio ti ha tradito e i tuoi pensieri ti hanno inseguita non lasciandoti dimenticare nemmeno un singolo tuo difetto.

Addirittura, forse, sei divenuta tu la persecutrice di te stessa.

O forse senti di aver fatto troppo, scavato troppo in profondità, fatto troppi errori per sfuggire al dolore in cui ti trovi.

Qualunque cosa sia, ti sta ferendo profondamente. Ti sta trafiggendo il cuore e stai provando disperatamente a nasconderlo, ma sta diventando la costante voce dentro di te che ti dice “Non sei  brava abbastanza, e mai lo sarai”.

E sono queste bugie che ti tengono isolata. Ti tengono nell’angoscia che hai dentro, ma tuttavia non sei disposta a cercare aiuto e mostrare il pasticcio che senti di essere diventata.

Ma vedi, figlia mia, quando ti guardo e vedo il tuo dolore, solo un sentimento mi strugge. Non è un senso di giudizio, non è un senso di shock o di orrore, e nemmeno un senso di rabbia come  si aspetta chi ti ha ingiustamente ferito.

Lo schiacciante sentimento che è in me quando ti guardo nei tuoi occhi sofferenti è il grande desiderio di rimuovere il dolore che ti allontana da me. Desidero fortemente abbattere i muri, curarti le cicatrici, e ridonare la luce a quei tuoi bellissimi occhi. Vorrei rimuovere i dubbi che hai covato dentro per così tanto tempo su te stessa e ristabilire lo spirito imprigionato dentro di te.

Rivoglio solo indietro la mia figlia.

Vedi, attraverso gli anni, attraverso tutto il dolore, i dubbi, le insicurezze, l’aggrapparti ad essere “brava abbastanza”, e non hai mai smesso di essere quella bambina che ho sempre amato con tutto il mio cuore. L’unica che era, ed è, una perfetta carica di vita e di amore e che si permette di essere sé stessa. Ogni capello, ogni particolarità, ogni talento, ogni sogno… tutti questi tuoi aspetti sono quello che ti fanno la figlia che ho iniziato ad amare molto tempo fa e che ho sempre amato senza eccezioni.

Per favore, torna da me. Lascia che io asciughi le tue lacrime e che ti aiuti a guarire dalle tue ferite, e che ti ricordi la bellissima donna che sei e il prezioso posto che occupi nel mio cuore. Non potresti mai cadere troppo lontano. Tu sei mia figlia – hai soltanto bisogno di gridare “Padre” come hai fatto quando eri piccola e io verrò a prenderti. E io verrò sempre.

Con tutto il mio amore,

Il tuo Padre Celeste.

(Originalmente pubblicato su www.restoreyourcrown.com)

_________________

Kaylin Koslosky sta iniziando la sua nuova avventura come insegnante di scienze al liceo. Ama fare escursioni e stare all’aperto, e la sua passione è raccontare la bellezza di Cristo e di questo mondo agli altri. È coautrice di Daughter of the King: Wait, Where’s My Crown?! e cofondatrice di www.restoreyourcrown.com con la sua migliore amica, Megan Finegan.

Leave a Reply