Rifiutata

Ti sei mai sentita rifiutata? Non sto parlando di quel tipo di rifiuto che si prova quando non si è invitati da qualche parte, o se si chiede di uscire a qualcuno che invece declina l’invito. Mi sto riferendo a un senso di rifiuto più profondo e persistente, per il quale non ti senti mai desiderata oppure abbastanza brava o degna di amore.

Ho realizzato che questa è una ferita che mi porto dietro sin dall’infanzia. Se qualcuno ti ferisce quando sei più vulnerabile e innocente, ti toglie tanto. E recepisci il messaggio: “Non sei stata brava abbastanza da difenderti. Non sei stata abbastanza amabile da stare al sicuro o abbastanza valorosa da lottare per questo. Non eri abbastanza da meritare amore, e mai lo sarai.”

Sai?! questo è quello che il diavolo vuole che noi crediamo. Guardando indietro nella mia vita, gran parte di essa è stata contaminata dal peccato degli altri. Dal momento che l’abuso sessuale non è qualcosa che semplicemente “superi”, il suo effetto a catena ha influito su come ho vissuto i miei appuntamenti al liceo, il mio matrimonio, e persino la mia maternità. Senza rendermene conto, ho interiorizzato questa ferita per così tanto tempo che ho lasciato che essa definisse chi fossi e cosa stessi per diventare. Avrebbe potuto distruggere me e la mia famiglia, se non l’avessi affrontata. Lo ammetto, è stato difficile guardare in faccia tutti gli scheletri del mio armadio. Alcuni dimostravano di essere talmente grandi da farmi credere che non li avrei mai potuti sconfiggere…e non ce l’avrei fatta se li avessi combattuti da sola.

Se ti rivedi in quello che sto dicendo, sappi che non sei sola. Talvolta la vergogna, la disperazione, il dolore sono insopportabili. Ma l’unico che può definitivamente portarci via dal buio è Gesù Cristo. Per me è stato, innanzitutto, difficile vederlo come un uomo, perché a causa loro ho sofferto molto. Ma quando sono stata in grado di avvicinarmi a Lui nell’adorazione Eucaristica, mi sono sentita al sicuro. Solo Lui era a conoscenza del mio dolore e di tutte le ferite che mi ero portata dietro per così tanti anni. Non importava quanto mi fossi allontanata: Lui non mi ha mai rifiutata né mi ha mai guardata dall’alto in basso.

Se stai vivendo sentendoti a pezzi, con vergogna, rimpianti, e ferite del passato, non sei sola. Ora è il tempo di iniziare la tua battaglia. Ora è il momento di scegliere che la tua felicità presente e futura non deve più dipendere dal tuo passato. Ma da dove inizia questa guarigione?

A causa dei recenti terribili scandali interni alla Chiesa, molte persone sentono che essa abbia perso tutta la credibilità e l’autorità nei suoi insegnamenti sulla sessualità umana. Ma questo è esattamente quello che il diavolo vuole che crediamo, per tenerci lontani dalla pace ristoratrice che Dio vuole che sperimentiamo in Lui. Nel mio caso, la mia fede Cattolica è stata la zattera di salvataggio in mezzo alla tempesta. In particolare, ho scoperto i quattro segreti per la guarigione sessuale che mi hanno aiutato a superare i momenti più bui: la terapia, i sacramenti, il direttore spirituale e le amicizie sante. Oltre a cercare queste vere consolazioni, mi sono anche dovuta staccare dalla falsa consolazione delle relazioni e amicizie tossiche, che hanno soltanto tirato fuori il peggio di me. Oggi continuo ancora a pregare per queste persone, ma niente di più.

Abbiamo sempre bisogno di ricordarci che la roccia e il fondamento della nostra fede cattolica non è nessun altro se non Gesù. Se la nostra fede è fondata nell’umanità, rimarremo delusi. Ma se crediamo veramente che lo stesso Dio che è nato dalla Vergine Maria e che è morto sulla croce non  aspetta altro che noi andiamo a visitarlo in ogni tabernacolo e allora non abbiamo nulla da temere.

Non posso parlare a nome di ogni cattolico, ma la mia fede non sarà contaminata da quello che è avvenuto nella nostra Chiesa. Questa dolorosa purificazione dovrebbe far desiderare a ognuno di noi di guardare oltre questo caos e  pregare per le vittime (e per i predatori), perché Dio abbia pietà di tutti noi.

La soluzione non è scappare, o usare i peccati degli altri come una scusa per respingere la Chiesa e concederci ai nostri peccati.

Non importa cosa tu abbia fatto o cosa gli altri abbiano fatto a te: Dio ha grandi progetti che vuole realizzare nella tua vita! Non sei mai andato troppo lontano o fuori dalla portata della Sua misericordia. Sii paziente, però.

Io so di star ancora guarendo, e di aver cose su cui lavorare, ma non mi porto più dietro la vergogna di quel che mi è successo. Quello non definisce più chi sono io perché non credo più alle menzogne.  Certo, tutti abbiamo le nostre ferite, le nostre insicurezze, paure e peccati. Come me potresti pensare che non li supererai mai, ma non è mai troppo tardi per ricominciare daccapo. Tutto quel che ora importa è dove andrai d’ora in poi.

Dio ha promesso: Ecco, io faccio nuove tutte le cose. Oppure, usando le parole di Santa Teresa: “Dio non ci ispira a fare quel che non può essere fatto”.

_____________________

Crystalina Evert è fondatrice del Woman Made New Ministries (http://www.womenmadenew.com/ ) e cofondatrice del Chastity Project. È autrice dei best-seller Pure Womanhood,  e How to Find Your Soulmate without Losing Your Soul (edizione italiana “Come trovare l’anima gemella… senza perdere la propria anima” https://www.edizioniares.it/it/prodotti/famiglia/come-trovare-l-anima-gemella-senza-perdere-la-propria-anima ).

Crystalina ha parlato in varie nazioni e a centinaia di migliaia di persone della virtù della castità, della guarigione, e del progetto di Dio per la sessualità dell’umanità. “Woman Made New Ministries” esorta le donne nella guarigione personale, incoraggiandole a diventare le donne per cui sono state create da Dio.

Leave a Reply