La mia risposta agli inviti al Gay Pride

Se sei mai stato invitato a partecipare a un evento del gay pride o sei stato invitato a mettere “Mi piace” a una pagina del gay pride su Facebook, cosa fai in questi casi?

Dal momento che provo attrazione per lo stesso sesso, vengo bombardato da questo genere di inviti e ho pregato su come poter rispondere in modo amorevole, senza compromettere la mia fede.  E poi ho amici che sono strettamente legati ai movimenti LGBTQ e so che nei loro cuori che stanno davvero facendo quello che pensano sia meglio.  E ho anche imparato a stare zitto e mantenere la pace sulla mia bacheca di Facebook, senza dire nulla.  Parte di questo mio atteggiamento è pura vigliaccheria, lo ammetto.  Ma più ci penso, più mi rendo conto che le bacheche di Facebook non sono il luogo adatto a trasformare i cuori.  E così ho portato tutto ciò  di cui ho scritto sopra in preghiera ai piedi della croce.  Questa breve lettera ne rappresenta il risultato:

Caro amico,

Il mondo mi ha insegnato a credere che solo perché provo attrazione per lo stesso sesso, “essere gay” è “quello che sono”.  Tuttavia, noto che innumerevoli persone stanno plasmando la loro vita in base alle loro aspettative su “cosa significa” essere “gay” e questo li consuma virtualmente.  Questo può accadere a molte persone che stanno semplicemente cercando di trovare il proprio posto nel mondo e che vogliono appartenere – ed è esattamente dove mi trovavo anch’io a un certo punto della vita.  Il problema è che questi tipi di etichette di identità non sono in grado di riflettere la pienezza della verità di chi siamo veramente.  Noi siamo molto di più della nostra sessualità – e se voglio essere completamente onesto con me stesso su chi sono, allora abbracciare un’etichetta come “gay” o “etero” è qualcosa che non sarò mai in grado di fare.

Non è una questione di vergogna: non mi vergogno per le attrazioni che non ho scelto specificamente di provare.  Si tratta dell’identità che scelgo specificamente di abbracciare.  Mi lasciavo definire in base alle mie attrazioni sessuali, ma oggi, per amore di Gesù Cristo, scelgo specificamente di vedermi prima di tutto attraverso la lente di Cristo.  Lo faccio pur essendo onesto con me stesso riguardo alle attrazioni che provo.  Pertanto, oggi la mia identità è prima di tutto radicata in Cristo.  Come risultato di questa trasformazione del mio concetto di me stesso, sono passato dall’essere chiuso al crescere nella virtù della castità, all’essere aperto alla crescita nella virtù della castità.  Questa è stata una trasformazione gioiosa iniziata nel mio cuore.

Le persone spesso cercano di dirmi che sto vivendo una menzogna e che la Chiesa mi odia e mi ha persino fatto il lavaggio del cervello.  Le loro accuse rivelano la loro chiusura mentale e il rifiuto nell’approfondire e comprendere persone come me.  Non posso trasformare i loro cuori: questa è l’opera dello Spirito Santo.  Quello che posso fare è offrirti la mia vita come esempio della gioia che provo ora da quando è avvenuta questa trasformazione del cuore.

Ti invito semplicemente a conoscere qualcosa in più su di me, e su altri come me, che provano attrazione per lo stesso sesso, ma che hanno scelto specificamente di guardare prima di tutto a Cristo.  Nella mia scelta di fare questo, non mi sono mai sentito solo e non sono mai stato più gioioso.  Spero e prego solo che altri come me possano venire a sapere che anche loro possono trovare questa gioia in Cristo.  Il suo amore è per tutti noi!

Dio ti benedica.  Pace in Cristo.

______________

Andrew è un membro di Courage e un collaboratore del sito web Pursuit of Truth Ministries.  Andrew vuole trovare l’amore e l’appartenenza alla Chiesa cattolica, l’ultimo posto in cui il mondo gli hanno insegnato a guardare, e oggi condivide la sua vita per mostrare alle persone la vera gioia che si trova nella virtù della castità.  Può essere contattato tramite info@pursuitoftruth.ca

Leave a Reply