Apri gli occhi (parte 1)

Avevo quattordici anni e stavo spacchettando alcune magliette nuove che avevo appena ordinato, le stavo provando sul mio figurino nuovo di zecca.  Mia madre era lì con me e abbiamo avuto un dialogo che si è svolto in questo modo:

Le dico “Oh wow!  Non sono mai stata così bella prima d’ora! ”

Mia mamma: “Uhm … penso che quelle magliette debbano essere restituite.”

E Io: “Cosa ?!  No!  Perché?”

Mia mamma: “Non vuoi suscitare dei cattivi pensieri nella testa di un ragazzo, vero?”

E Io: “Ma non è giusto!  I ragazzi sono stupidi!  Perché non riescono a pensare il motivo per cui facciamo certe cose??? ”

Tuttavia, nonostante le mie proteste, la mia incredibile mamma rispedì indietro le magliette. E mi consolò dicendomi: “Quando sposerai un grande uomo e sarai indipendente, potrai vestirti come vorrai per lui”.  Ciò ha in qualche modo placato il mio dramma adolescenziale.  Dopotutto, era quel ragazzo di cui parlava che volevo stupire.  Ma ricordo anche di aver pensato “Quindi deve aspettare il matrimonio?”

Mi dava fastidio, da adolescente,

dovermi vestire con modestia perché non mi sembrava giusto che il modo in cui mi vestissi fosse soggetto a ciò che gli uomini potevano vedere senza essere tentati, finché non mi resi conto che non si trattava solo di lussuria.  La modestia non viene messa in pratica solo in risposta a qualcosa di malvagio come la lussuria, ma anche per rispetto verso qualcosa di Santo come il mio intero corpo e la mia anima.

A volte può essere allettante per le donne guardare il nostro corpo, ma si può provare anche vergogna nel pensare: “Questo corpoo potrebbe  tentare un uomo a peccare, a considerarmi un oggetto, potrebbe condurlo alla lussuria, la mia figura femminile potrebbe portare al male, quindi devo tenerlo coperto  “.  Evita di farlo!

Guarda il tuo corpo e ricorda: “Questo corpo è sacro.  Questa è l’immagine di Dio, l’immagine dell’amore altruistico.  Dio ha creato il mio fisico femminile per l’incredibile e stimolante scopo dell’unione con il mio amato e per la creazione, lo sviluppo e il nutrimento dell’immagine di Dio!  Egli ha visto che ero “cosa molto buona” e poiché il corpo di una donna è così profondamente buono, nessun uomo ha il diritto di vedere la pienezza della sessualità femminile senza il permesso di Dio stesso.  I miei attributi femminili sono troppo sacri, troppo importanti e troppo belli per essere guardati da qualsiasi uomo tranne quello con cui scambierò il dono di me stessa … e solo quando Dio stesso ci offrirà l’uno all’altro. ”

Quando ti vesti con modestia non significa che devi essere triste o poco attraente.  Dovresti vestirti in modo meraviglioso per lo stesso motivo per cui ti vesti con modestia, non per essere ossessionata dal tuo aspetto né per attirare l’attenzione, ma per rispetto del valore del tuo corpo.

E inoltre  la decisione di praticare la nostra modestia è un buon fine per aiutare gli uomini a controllare i propri pensieri, la motivazione più profonda dovrebbe venire dal riconoscere che l’immodestia è prima di tutto un peccato contro il proprio corpo.

E quindi non pubblicizzare ciò che non è in vendita.  Non lasciare disinteressatamente esposto il corpo come se fosse qualcosa di “non importante” ciò che dovrebbe costare ad un uomo una vita di devozione da ottenere.  Non è abbastanza per un uomo non desiderare la tua sessualità femminile.  Deve anche custodirla come un tesoro di inestimabile valore.

Il velo della modestia incoraggia un uomo a rispettare quel valore.  La modestia è stata definita un “invito alla riverenza”.  Invita gli uomini ad apprezzare correttamente quanto vali come donna.  Se un uomo sfugge a questo  invito, tu sfuggi da lui.  Se non pensa che il corpo di una donna sia abbastanza sacro da meritare il velo della modestia, non ti apprezzerà adeguatamente nemmeno nel matrimonio.  Quando un uomo accetta il velo della modestia, è perché può vedere chiaramente quanto sei bella.

San Giovanni Paolo II spiega che Adamo ed Eva nell’innocenza dell’Eden hanno visto reciprocamente i propri corpi nudi come un invito ad amarsi come persone.  La modestia paga il rispetto e la riverenza per il corpo umano.  Quando ti sei allenata con riverenza per riconoscere quel valore incommensurabile, allora il dono di sé può essere dato e ricevuto nient’altro che con gioia e gratitudine.  Quando hai questa riverenza nell’impegno del matrimonio di amare per sempre l’intera persona che ti sta accanto, la presentazione di questo dono diventa un invito all’amore.

C’è un solo uomo che potrai invitare ad amarti come se fosse una cosa sola con te stessa.  La tua luna di miele è una festa privata con un ospite davvero esclusivo.  È un invito privato.

“Ciò che è velato è Santo per cui può essere svelato solo nell’amore dell’alleanza”.  – Scott Hahn, Segni di vita

_________________________________

Sarah Karlyn Larue è una venticinquenne autrice di otto libri, che adora la propria fede e ama scrivere ed è più felice quando riesce a coniugare queste due passioni.  La sua ultima serie” That They Might Have Love” è dedicata a tutte le giovani donne cattoliche che vogliono cercare prima Dio nella propria vita amorosa e trovare maggiore amore e gioia non solo quando sono single, ma anche da fidanzate e da e spose.

Leave a Reply